MATRIMONIO CIVILE

Celebrare un matrimonio con rito civile

Celebrare un matrimonio con rito civile
Abbiamo preparato una guida sul percorso burocratico da seguire per chi ha scelto di sposarsi con rito civile. I documenti nnecessarli e come  e dove richiederli,  consigli sulla scelta della location ideale per un matrimonio civile a Roma, non è detto infatti che debba essere una anonima sala comunale. Inoltre vi diamo suggerimenti sugli abiti più appropriati per questo tipo di cerimonia..
Aggiornato il 01/07/2013

Condividi questo articolo




Matrimonio civile: regole e documenti
Il percorso da intraprendere, che culminerà con il rito del vostro matrimonio civile, inizia con la scelta della data: nel prendere tale decisione tenete conto del fatto che almeno due mesi prima della celebrazione dovrete avanzare la richiesta formale di pubblicazioni, ed è consigliabile muoversi sempre con un certo anticipo rispetto alle scadenze prefissate. Una volta decisa la data è il momento di provvedere alla documentazione necessaria per contrarre un matrimonio con rito civile. La recente legislazione in materia ha notevolmente semplificato le procedure: sarà sufficiente recarvi presso il rispettivo comune di residenza o in circoscrizione (Municipio nel caso di Roma) per sottoscrivere l'autocertificazione dei vostri dati personali. Se uno dei due coniugi è un cittadino straniero dovrà presentare un nulla osta rilasciato dal consolato dallo stato di appartenenza e legalizzato dalla prefettura, dopo di che sarà in ogni caso il comune stesso a provvedere a tutta la documentazione necessaria. Il passo successivo è la già citata richiesta formale per le pubblicazioni ( che dovrà essere firmata presso il comune di residenza di uno dei due coniugi). In questa fase, dovrete essere muniti di atto di nascita e certificato contestuale (si tratta di un documento attestante lo stato libero, la cittadinanza e la residenza) a cui devono aggiungersi nei casi specifici la sentenza di divorzio (se uno dei due ha già contratto il matrimonio in passato), l'atto di morte del coniuge defunto in caso di vedovanza e l'autorizzazione del tribunale dei minori se uno dei coniugi è minorenne. Quando la documentazione sarà stata acquisita d'ufficio dagli addetti comunali, sarete contattati per fissare la data del giuramento di matrimonio. A seguito del giuramento le pubblicazioni saranno affisse all'entrata della casa comunale del luogo di residenza dei coniugi allo scopo di rendere pubblica l'intenzione dei due fidanzati e di venire a conoscenza, attraverso le testimonianze portate da terzi, di eventuali impedimenti alla celebrazione del matrimonio stesso. Quattro giorni dopo il termine delle pubblicazioni, se non sono emersi impedimenti, l'ufficiale di stato civile vi rilascerà il nulla osta al matrimonio che dovrà essere tassativamente celebrato, in questo caso con rito civile, entro 180 dalla scadenza delle pubblicazioni; in caso contrario le stesse verranno considerate come non avvenute. Se desiderate approfondire l'argomento dal punto di vista normativo, potreste visitare il sito web dell' Unione consulenti , nel quale sono riportati gli articoli del codice civile che regolano l'istituto del matrimonio e che vi permette di avvalervi della consulenza di professionisti del settore su specifiche problematiche.

Location per matrimonio civile a Roma
Con il rito civile la cerimonia sarà sicuramente più breve e più semplice dal punto di vista delle pratiche burocratiche, ma non per questo sarà meno intensa sul piano emotivo. La sala comunale potrà essere arricchita con addobbi e decorazioni floreali a vostro piacimento, inoltre essa non è l'unico luogo deputato alle celebrazioni. Gli stessi enti locali mettono a disposizione dei cittadini che decidono di celebrare il loro matrimonio con rito civile particolari location: solitamente si tratta di luoghi prestigiosi quali ville, dimore d'epoca o simili. Il  Comune di Roma, ad esempio, mette a disposizione dei cittadini quattro location per il loro matrimonio, due sono nel centro storico di Roma: la prestigiosa  Sala  rossa in Campidoglio che prende il nome dall'intenso colore dalla sontuosa tappezzeria, con le pareti adorne di quadri del Seicento e la chiesa sconsacrata di S.Maria Tempulo, alle pendici del Celio vicino le terme di Caracalla; una è a Roma sud Est ,nel quartiere Tuscolano,: la cappella di Villa Lais, con i suoi splendidi decori romanici e paleocristiani, completamente ristrutturata in ragione della sua nuova destinazione d'uso; infine per i residenti nei quartieri marittimi di Roma la sala di piazza Regina Pacis nel quartiere di Ostia Levante.

Matrimonio civile: l'abito dello sposo e della sposa
L'abbigliamento scelto dallo sposo e dalla sposa dovrà essere consono all'occasione, sobrio ed elegante. In passato l'etichetta prevedeva che per la cerimonia civile la sposa indossasse un abito corto o un tailleur. Attualmente questa regola non scritta è caduta in disuso, le donne che scelgono di sposarsi con il rito civile possono indossare abiti lunghi da cerimonia e classici abiti da sposa, perciò se lo avete sempre sognato, sentitevi libere di indossare l'abito bianco, soprattutto se per le vostre nozze avete scelto una location diversa dalla sala matrimoni comunale.
Visitando il sito web del comune di Roma troverete tutte le informazioni relative alle modalità di accesso al servizio. Potrebbe tornarvi utile visitare anche il portale  Nozze-matrimonio.it la guida completa online per gli sposi all'organizzazione del matrimonio, in cui troverete una sezione interamente dedicata alle cerimonie nuziali, sia civili che religiose.

Hai trovato interessante l'articolo? Condividilo con gli amici!

Commenti


2011-11-22 06:46 PM

Proprio di recente ho assistito al matrimonio civile di un'amica che stato celebrato vicino Roma, a Sant'Angelo Romano, presso il castello Orsini-Cesi: devo confessare che l'atmosfera del luogo mi ha davvero colpita, stata una cerimonia suggestiva che non aveva nulla da invidiare a quelle religiose. Lo consiglio caldamente a chiunque si trovi in zona! Se volete maggiori informazioni potete andare sul sito: http://www.orsinicesi.it/

 

Lascia un commento su questo articolo*

* Per motivi di privacy non è consentito inserire contatti (telefoni, email, indirizzi) nel testo del commento. In caso contrario il commento non sarà pubblicato.


Grazie per l'invio! Il commento è stato registrato con successo!

Il codice di verifica non corretto. Inseriscilo nuovamente