neonato 4 mesi, neonato 5 mesi, neonato 6 mesi

NEONATO 4-6 MESI

Dai 4 ai 6 mesi: cresce la voglia di comunicare

Dai 4 ai 6 mesi: cresce la voglia di comunicare
Il neonato ha 4 mesi: è il periodo dei primi dentini e dello svezzamento, momenti impegnativi per i neo genitori che dovranno armarsi di una buona dose di pazienza per seguire i propri figli in queste tappe. Sono anche i mesi in cui il neonato inizia a percepire il mondo circostante, gli oggetti e i volti familiari. Ecco, dai 4 ai 6 mesi, come cresce in lui la voglia di conoscere e comunicare
Aggiornato il 27/07/2012

Condividi questo articolo




Neonato 4 mesi
A 4 mesi il neonato, se ben stimolato, può iniziare a comprendere il concetto di causa ed effetto. Osservando il proprio bambino con attenzione i genitori potranno accorgersi di come il neonato cominci a “riconoscere” alcune parti del proprio corpo. È molto importante dunque fornire continui stimoli al neonato, cominciando per esempio ad offrirgli alcuni giochini, magari da attaccare al lettino o al passeggino. In commercio se ne trovano moltissimi tipi: per farsi un’idea consigliamo di visitare i siti della Fisher Price e della Chicco.
A 4 mesi  inoltre, molti pediatri consigliano di inserire nella dieta del neonato alcuni sapori nuovi per fare in modo che il bambino familiarizzi con il cucchiaino. Il latte, tuttavia, rimarrà il suo alimento principale per tutto il primo anno di vita. Per avere un’idea degli alimenti che si possono offrire al neonato a partire dai 4 mesi può essere utile consultare il sito della Nestlè.
Neonato 5 mesi
A 5 mesi il neonato si dimostra sempre più interessato a ciò che succede intorno a lui. Il suo pianto non è più soltanto una reazione istintiva per comunicare dei bisogni primari. Il pianto di un neonato di 5 mesi, infatti, può assumere anche valenze diverse: attraverso il pianto il neonato ora esprime anche un desiderio: magari la voglia di essere preso in braccio o di essere coccolato. Compito arduo sarà per i genitori cercare di decifrare le lacrime del neonato, cercando di soddisfare tutte le sue necessità. Sembrano ormai sorpassate le teorie delle nonne per cui rispondere prontamente al pianto del neonato voglia dire “viziarlo”. Per quanto esistano ancora dei sostenitori del “pugno duro”, sono in molti a sostenere l’importanza di non ignorare il pianto del neonato, questo però non vuol dire scattare al primo accenno di pianto facendosi prendere dall'ansia, anzi col tempo converrà ritardare sempre più il nostro intervento (ma non ignorarlo e solo dopo c he il pediatra abbia escluso una qualsiasi causa fisica di un pianto ricorrente), infatti il sito del Bambino Gesù ci dice che i neonati sono dotati fin dalla nascita di un sistema interno di auto-consolazione rappresentato dal riflesso di suzione e proprio dal pianto.
Un passo importante dei 5 mesi è rappresentato dall’inizio della lallazione, ovvero la ripetizione in serie di alcune sillabe, per saperne di più potete consultare il sito Pianetamamma.it. È questo il primo passo nello sviluppo del linguaggio del bambino, bisogna tuttavia ricordare che ogni neonato ha i suoi tempi, e non tutti iniziano ad emettere le prime sillabe a 5 mesi. A proposito delle prime fasi dello sviluppo del linguaggio potete consultare il sito Tuttomamma.com. Le mamme possono quindi confrontarsi fra loro, magari nei forum dedicati a questi argomenti, ma cercando di evitare inutili confronti e ricordando sempre che ogni bambino segue tempi propri.
Neonato 6 mesi
Il neonato ha raggiunto i 6 mesi e continua il suo percorso di crescita. In questa fase si noteranno notevoli progressi del neonato nello sviluppo motorio (inizierà, per esempio, a giocare con le proprie manine, o a prendersi i piedini per metterli in bocca). Nell’ambito del linguaggio, a 6 mesi il neonato continua a “sperimentare” sillabe e suoni nuovi. La sua vista si sta sviluppando: i movimenti degli occhi ora sono coordinati, anche se la sua acuità capacità di mettere fuoco con chiarezza gli oggetti è ancora limitata a un metro un metro e mezzo al massimo di distanza.
Intorno ai 6 mesi di solito il neonato inizia a mettere i primi dentini o si prepara a farlo. La dentizione è spesso causa di fastidi e piccoli malesseri. Per scoprire alcuni dei sintomi più frequenti relativi e ricevere qualche consiglio, si possono visitare i siti salus.it e BimbInSalute In questo periodo si possono acquistare per il neonato alcuni giochini studiati proprio per alleviare i fastidi della dentizione. Per farsi un’idea su cosa propongono le migliori marche, si può visitare il sito laculladelbimbo.it  


 

Hai trovato interessante l'articolo? Condividilo con gli amici!

Commenti

Non sono ancora presenti commenti. Inseriscine uno tu.

Lascia un commento su questo articolo*

* Per motivi di privacy non è consentito inserire contatti (telefoni, email, indirizzi) nel testo del commento. In caso contrario il commento non sarà pubblicato.


Grazie per l'invio! Il commento è stato registrato con successo!

Attenzione! Si sono verificati problemi durante l'inserimento. Prova di nuovo.