NEONATO 1-3 MESI

Il neonato da 1 a 3 mesi: imparare a conoscersi

Il neonato da 1 a 3 mesi: imparare a conoscersi
Aggiornato il 27/07/2012

Condividi questo articolo

Come cresce il neonato nei suoi primi mesi di vita? Quali sensi sviluppa? Come interpretare il pianto di un neonato di 1 mese? E quali progressi si possono riconoscere a 2 e 3 mesi? Alcune informazioni e qualche piccolo consiglio per i neo genitori



Neonato 1 mese
Sono i primi giorni di vita del bambino. Dopo il grande impegno del parto, la mamma può finalmente tornare a casa con il proprio figlio.
A 1 mese il neonato si nutre esclusivamente di latte, preferibilmente materno. Difficile stabilire un numero preciso di poppate, soprattutto se si allatta al seno. Sarebbe buona norma per ogni mamma confrontarsi con il proprio pediatra per poter tenere sotto controllo la frequenza delle poppate, soprattutto in questo primo mese. La mamma potrà inoltre controllare regolarmente il peso del proprio bambino attraverso una bilancia per neonati. Ne esistono in commercio diversi modelli, per orientarsi nella scelta può essere utile consultare lo spazio dedicato sul sito della guida al consumatore. È importante ricordare che il neonato di 1 mese si esprime principalmente attraverso il pianto, per cui ogni sua esigenza verrà manifestata in questo modo. Nella maggior parte dei casi, il neonato piange per reclamare un suo bisogno primario: fame, sonno o cambio del pannolino. Per avere qualche informazione in più sul significato e sulle possibili interpretazioni del pianto del neonato, può essere utile consultare il sito il miobaby.com. Le mamme hanno anche la possibilità di consultare degli specialisti online. Molto utili possono rivelarsi i siti amicopediatra.it e pediatria online, all’interno del quale è presente un utile spazio dedicato alle famiglie, nel quale uno specialista risponde ad alcuni dei più frequenti interrogativi dei genitori.

Neonato 2 mesi
A soli 2 mesi si possono già osservare nel neonato dei piccoli progressi, che spesso sembreranno ai genitori delle vere conquiste. Un neonato di 2 mesi, infatti, inizia già a sperimentare delle particolarissime forme di comunicazione: alcuni bambini a quest’età iniziano ad emettere strani gridolini ben distinti dal comune pianto e in alcuni casi accennano già dei sorrisi. A 2 mesi, inoltre, il neonato dimostra di apprezzare le coccole della mamma e del papà, per questo diventano sempre più importanti momenti come il bagnetto e il massaggio. Sul sito alfemminile.com si possono trovare alcuni consigli su come rendere il bagnetto un momento di complicità tra mamma e neonato. In questo periodo iniziano anche le prime visite mediche, scandite soprattutto dal calendario dei vaccini. Per sapere quando e dove fare i vaccini al vostro neonato segnaliamo la sezione dedicata a questo argomento sul portale del Ministero della Salute.

Neonato 3 mesi
Il terzo mese del neonato rappresenta una tappa importante. Il piccolo infatti si mostra ogni giorno più attento all’ambiente circostante e soprattutto agli stimoli che gli provengono dai genitori. Molti neonati a 3 mesi girano la testa nella direzione in cui sentono i suoni. In questo mese il neonato allarga il suo campo visivo, sa distinguere le forme e si mostra attratto dai colori forti e dalla luce intensa. Per scoprire come si sviluppa il senso della vista nel neonato di tre mesi (e nei mesi successivi) può essere interessante leggere l’intervista al pediatra sul sito mamma e papà.it
Spesso i genitori vedono i tre mesi del neonato come un vero e proprio traguardo da raggiungere, nella speranza che le poppate (soprattutto notturne) diminuiscano e che i bambini più irrequieti si calmino. Purtroppo non sempre è così: alcuni neonati, anche a 3 mesi, continuano a svegliarsi molte volte durante la notte e a piangere spesso. In questo caso può essere utile cercare di stabilire una routine che aiuti il neonato ad addormentarsi. Molto utili in proposito i consigli presenti sul sito genitoricrescono. Può rivelarsi utile anche confrontarsi con altri genitori: sul sito nostrofiglio.it  si possono leggere testimonianze interessanti con commenti degli esperti.
 

Hai trovato interessante l'articolo? Condividilo con gli amici!

Commenti

Non sono ancora presenti commenti. Inseriscine uno tu.

Lascia un commento su questo articolo*

* Per motivi di privacy non è consentito inserire contatti (telefoni, email, indirizzi) nel testo del commento. In caso contrario il commento non sarà pubblicato.


Grazie per l'invio! Il commento è stato registrato con successo!

Attenzione! Si sono verificati problemi durante l'inserimento. Prova di nuovo.