domus aurea

DOMUS AUREA

Domus Aurea, la sfarzosa dimora dell'imperatore Nerone

Domus Aurea, la sfarzosa dimora dell'imperatore Nerone
La Domus Aurea sorse, per volontà di Nerone, sulle ceneri del grande incendio che distrusse Roma nel 64 d.C: si meritò il soprannome Aurea per la ricchezza dei suoi decori e delle opere d'arte presenti al suo interno. Andiamo a scoprire la storia della Domus Aurea, come era fatta e come raggiungerla.
Aggiornato il 18/07/2014

Condividi questo articolo




La Domus Aurea – Cenni storici
La Domus Aurea fu fortemente voluta da Nerone, che intendeva sostituire la Domus transitoria, chiamata in questa maniera perché residenza di passaggio tra il Palatino, sede ufficiale del principe, e i possedimenti imperiali dell’Esquilino, andata distrutta nel terribile incendio del 64 d.C.
Per la preziosita' dei suoi decori e per i suoi arredi ricchissimi prese il nome di Domus Aurea (casa d'oro). L’intenzione dell’imperatore era, infatti, quella di costruire la piu' bella e ricca abitazione al mondo, e per questo, al suo interno, furono rinvenute molte opere d’arte e decorazioni tali da farla sembrare, utilizzando le parole di Seneca, una "casa risplendente per lo scintillio dell’oro".
La sua costruzione fu affidata agli architetti Severus e Celer, ed occupò quasi tutto il centro di Roma, in un’area di circa ottanta ettari compresa tra il Palatino, l’Esquilino, l’Oppio e il Celio. Al suo interno, in origine, c’era un grande giardino con annesso lago artificiale – detto stagnum Neronis che poi verrà prosciugato in epoca Flavia per costruirvi il Colosseo.
Il rinnovamento urbanistico dei Flavi ridusse al solo Colle Oppio le antiche costruzioni della Domus Aurea e su di esse, spogliate delle statue e delle opere d’arte, vennero edificate le Terme di Traiano, cadute in rovina anch’esse in seguito al passaggio ostrogoto. L’intera area fu destinata all’agricoltura e la Domus Aurea tornò alla luce solo nel Rinascimento. Dopo la sua scoperta alcuni pittori, fra cui anche Raffaello e Pinturicchio si sono calati nelle sale ancora interrate, scoprendo e riproducendo le meraviglie in esse contenute. Fra queste, il gruppo del Laocoonte, una delle opere scultoree più famose dell’antichità, ora conservata nei Musei Vaticani. Dopo gli scavi che ne hanno riportato alla luce gli ambienti, la Domus Aurea venne chiusa nei primi anni Ottanta per motivi di sicurezza, per poi essere riaperta al pubblico nel 1999 dopo nuovi restauri ma la sua posizione sotterranea e le infiltrazioni d'acqua la espongono a continui rischi di deterioramento e crolli quindi.

La Domus Aurea – Descrizione
La Domus Aurea oggi è estesa solo sul Colle Oppio, ed è formata da circa 150 ambienti, sviluppati intorno ad una sala a pianta ottagonale, centro effettivo della Domus: gli ambienti sono costruiti in pietra, e si alzano per 10-11 metri tramite volte a botta.
Si possono distinguere due settori: quello occidentale, che si pensa possa essere stato la zona privata della domus neroniana, e quello orientale, più sfarzoso e probabilmente dedicato alle feste e ai divertimenti dell’imperatore e dei suoi ospiti.
La parte occidentale si sviluppa attorno ad un grande giardino rettangolare ed al portico che lo circonda: lungo i suoi lati sono distribuite le sale private utilizzate da Nerone. Fra queste, la Sala della volta delle civette, chiamata così per i suoi decori, ed il Ninfeo di Ulisse e Polifemo, dal nome del mosaico presente al suo interno.
Il settore orientale si sviluppava invece intorno ad una sala ottagonale, ai cui lati erano due grandi cortili: in questa sezione del Palazzo sono conservate la Sala della volta dorata, con la sua ricca decorazione a stucchi policromi, e due Sale ispirate agli scritti omerici, la Sala di Achille a Sciro e la Sala di Ettore e Andromaca.

La Domus Aurea - Come arrivare
L’accesso alla Domus Aurea è da via della Domus Aurea 1, si può raggiungere con i le linee n° 85, 87, 175, 810, 850 scendendo alla fermata Colosseo o Colosseo/Salvi, in alternativa, si può prendere la metro B o B1, scendendo alla fermata Colosseo e da lì fare un breve percorso a piedi. 

La Domus Aurea - Orari di apertura
Momentaneamente chiusa per lavori di restauro, per maggiori informazioni contattare lo 060608.

Da vedere in zona
Colosseo, Chiesa di San Pietro in Vincoli, Fori Imperiali, Foro Romano.

Dormire in zona
Qualche consiglio per dormire in un albergo in zona Colosseo oppure in un b&b zona Colosseo, vicino alla Domus Aurea.

Mangiare in zona
Dopo la vostra visita alla Domus Aurea si può mangiare in uno dei molti ristoranti in zona centro o in una delle pizzerie in centro.

Divertimento in zona
Qualche consiglio sui locali in zona Colosseo dove passare un piacevole dopocena nelle vicinanze della Domus Aurea.

Hai trovato interessante l'articolo? Condividilo con gli amici!

Commenti

Non sono ancora presenti commenti. Inseriscine uno tu.

Lascia un commento su questo articolo*

* Per motivi di privacy non è consentito inserire contatti (telefoni, email, indirizzi) nel testo del commento. In caso contrario il commento non sarà pubblicato.


Grazie per l'invio! Il commento è stato registrato con successo!

Attenzione! Si sono verificati problemi durante l'inserimento. Prova di nuovo.

Leggi anche