COCKTAIL

Cocktail: i più bevuti e brevi cenni storici

Cocktail: i più bevuti e brevi cenni storici
Aggiornato il 04/11/2013

Condividi questo articolo

Anche se i cocktail più richiesti si contano sulla punta delle dita, esiste un vero e proprio universo di queste bevande che sono, o dovrebbero essere, un mix di equilibrio e gusto. Non tutti sanno come si prepara un cocktail alla perfezione. Dei brevi cenni su queste bevande e i collegamenti alle ricette per imparare a prepararli da soli..





La prima vera progettazione di un cocktail può essere ritrovata nel diciannovesimo secolo e la prima citazione della parola “cocktail” risale al 1806 nella rivista americana “The Balance”.
E’ difficile identificare una storia od una evoluzione singola dei cocktail; piuttosto ogni singolo cocktail ha una sua storia alle spalle ed un'evoluzione con varianti e cambiamenti negli ingredienti a seconda delle zone e dell’estro di chi lo miscela.
Uno dei primi cocktail di cui si ha testimonianza risale al 1862 ed è una miscela di vermouth rosso e gin chiamata Martinez. Generalmente i cocktail hanno una componente principale, chiamata “base”, che dà l’impostazione al risultato finale. Le basi più comuni sono whisky, gin, vodka, rum e tequila.
Tra i cocktail a base di Gin i più popolari sono sicuramente l’Angelo Azzurro, il cui nome omaggia l'omonimo filme con Marlene Dietrich, ma anche il il Gin Fizz, il Gin Tonic, il Neuroni, il Martini ed il White Lady.

Fra quelli a base di rum troviamo il popolarissimo Cuba Libre, creato dai soldati per festeggiare la vittoria nella prima guerra ispano-americana. Sempre a base di rum tra i più bevuti ci sono il Daiquiri, il Mojito o la Pina Colada.
I cocktail a base di whisky sono forse meno conosciuti anche se l’Irish Coffe, il Manhattan o lo Snow White riscuotono comunque un discreto successo.
La tequila è invece il componente base del popolarissimo Margarita, e naturalmente dello shot da bere tutto di un sorso Tequila Bum Bum.
Meno conosciuta la Tequila Sunrise, comunque presente in ogni cocktail bar o pub che si rispetti. La vodka è invece usata per cocktail di successo come la Caipiroska, la Caipirinha, il Bloody Mary, il Black e White Russian.

Hai trovato interessante l'articolo? Condividilo con gli amici!

Commenti

Non sono ancora presenti commenti. Inseriscine uno tu.

Lascia un commento su questo articolo*

* Per motivi di privacy non è consentito inserire contatti (telefoni, email, indirizzi) nel testo del commento. In caso contrario il commento non sarà pubblicato.


Grazie per l'invio! Il commento è stato registrato con successo!

Attenzione! Si sono verificati problemi durante l'inserimento. Prova di nuovo.

Bere