POESIE NAPOLETANE

Poesie Napoletane: Versi Partenopei

Poesie Napoletane: Versi Partenopei
Napoli: la città della pizza, del mare e del Vesuvio ma anche della letteratura, di grandi maestri del teatro e della poesia. State cercando delle poesie napoletane in rete? Romaexplorer ha selezionato per voi alcune poesie in dialetto napoletano.

Condividi questo articolo



‘A MBRUGLIATA
De Filippo Eduardo

Pure tu te si’ ‘mbrugliato
mmiez”o ‘mbruoglio ‘e sti ‘mbrugliune,
cu ‘sta vita ‘mbriacata
cchiù ‘mbriaca d”e ‘mbriacune;
cu ‘o pensiero arravugliato
ca cchiù sta cchiù s’arravoglia,
e chi aspetta ca se sbroglia
‘ave voglia d’aspettà!...
Primma invece a tempo antico,
‘a matassa se sbrugliava,
pecché, tanno, ‘o cchiù scetato
te sapeva arravuglià.
Mo se scetano matina
tuttequante
e ‘o ‘mbruglione
sta sicuro,
nunn”o truove,
nun se vede: sta ‘mmiscato
mmiez”o ‘mbruoglio
d”a ‘mbrugliata.

NU FAZZULETTO ‘E TERRA
Cicalese Ettore

‘Nu fazzuletto ‘e terra, ‘n’angulo ‘e paraviso pe’ sunnà…
piazza San Ciro, Bellavista, ‘e pine, l’addore d”e mimose,
‘a Reggia, ‘o bosco, ‘a primma ferrovia…
Puortece: chella ‘e tantu tiempo fa.
Se campava quiete a ‘stu paese quanno screviste ‘e chella Purticesa
ch’abbascio a ‘o Granatiello steva ‘e casa
e ‘a chiammavano Rosa ‘a vrucculosa…
e parlava d’Abbrile e d”e ccerase.
Mò si vedisse ’o stesso fazzuletto comm’è arredutto,
senza verde attuorno...e simmo cientemila…
‘n’esercito ‘e furmicule accucchiate
e ‘nu vicino nun conosce a ‘n’ato!
‘Nu fazzuletto ‘e terra senza sciure, ‘o mare spuorco,
ll’aria avvezziata, nun se risciata cchiù comme a ‘na vota!
‘Nu fazzuletto ‘e terra addò ce regna ‘a malavita, e ‘a droga
sta avvelenanno ‘a meglia giuventù!
Stò penzanno a “ ‘E CECATE ‘E CARAVAGGIO”,
‘n’atu gioiello ca screviste Tu…
ma ‘a ggente ‘e mò nun tene cchiù coraggio:
nun è cecata...ma nun vede cchiù!

'O muorto 'e famma
R. Viviani

Si appiccio nu cerino 'nnanze 'a panza
se vede 'o ttrasparente 'areto 'e rine.
'A verità, parlanno cu crianza, ce tengo sulo ll'acqua 'int' 'e stentine.
Ah! Sto debbole abbastanza.
Me saglie tutto 'o sanghe 'a parte 'a capa.
Mme veco 'e palummelle 'nnanze a ll'uocchie.
Pare ca 'a terra, 'a sotto, me s'arape
e già sto scunucchianno 'int' 'e ddenocchie.
Comm'è ppesante 'a vita!
Uh, mamma mia! aiutateme!
Mo moro! Gente! Gente!
No, m'è passato: è niente:
m' 'o ffa primm' 'e magna'.
Diceno: «Va te sfame 'int' 'a taverna».
«E 'e sorde?» «Faie nu pigno». «E che me 'mpigno?»
Io, si 'a miseria fosse na lucerna,
rappresentasse 'a parte d' 'o lucigno.
Pe' me nun c'è risorsa!
Me vengo quacche oggetto? E che me danno?
Avarri' 'a truva' quacche amatore.
Ce sta sta sciassa, già se sta sfrangianno,
ma è sempe nu capetto d'autore.
Papà spusaie cu chesta!
E i' scapestrato, 'a sciupo,
ma è pe' necessità:
pecchè n'ata sciammeria
mo nun m' 'a pozzo fa'.
Ce sta n'amica mia ca mme vo' bene:
e io mo m' 'a sposo e 'a levo 'a miez' 'a via.
'A voglio fa' fà 'a vita d' 'a signora:
nun 'mporta ca nun mangia a' tratturia,
nè a' casa, nè all'otèl.
Ma, si nun magna, 'a faccio vesti' bbona:
comme vest'io. E pare ca, addò jammo,
'a ggente sott' 'o colpo se n'addona
ca simmo 'a marca 'e fabbrica d' ' famma:
'o stemma d' 'a miseria.
Embè, tra ll'ati guaie,
'a notte è n'arruvina:
me sonno a Cuncettina
pe' mme ferni' 'e 'nguaia'.

ZUOCCOLE, TAMMORRE E FFEMMENE
De Curtis Antonio (Totò)

Tutte hanno scritto a Napule canzone appassiunate,
tutt”e bellezze ‘e Napule so’ state decantate:
da Bovio a Tagliaferri; Di Giacomo a Valente;
in prosa vierze e musica: ma chi po’ ddì cchiù niente?
Chi tene cchiù ‘o curaggio ‘e di’ quaccosa
doppo ca sti puete gruosse assaie
d’accordo songo state a ddi’ una cosa:
ca stu paese nun se scorda maje.
Sta Napule, riggina d”e ssirene,
ca cchiù ‘a guardammo e cchiù ‘a vulimmo bene.
‘A tengo sana sana dint”e vvene,
‘a porto dint”o core, ch’aggia fa?
Napule, si comme ‘o zucchero,
terra d’amore, ch’è na rarità!
Zuoccole, tammorre e femmene,
è ‘o core ‘e Napule ca vo’ cantà.
Napule, tu si’ adorabile,
siente stu core che te vo’ di’:
“ Zuoccole, tammorre e ffemmene,
chi è nato a Napule nce vo’ murì “.




 

Hai trovato interessante l'articolo? Condividilo con gli amici!

Commenti

Non sono ancora presenti commenti. Inseriscine uno tu.

Lascia un commento su questo articolo*

* Per motivi di privacy non è consentito inserire contatti (telefoni, email, indirizzi) nel testo del commento. In caso contrario il commento non sarà pubblicato.


Grazie per l'invio! Il commento è stato registrato con successo!

Attenzione! Si sono verificati problemi durante l'inserimento. Prova di nuovo.

Leggi anche