POESIA PACE E GUERRA

Poesia sulla Pace e sulla Guerra

Poesia sulla Pace e sulla Guerra

Condividi questo articolo

Le poesie possono aiutarci a riflettere sui alcuni grandi tematiche della vita dell'uomo come la pace e la guerra! Se stai cercando una poesia sulla pace o sulla la guerra, ne abbiamo selezionato alcune molto significative che potrai condividere con i tuoi amici e i tuoi cari...ecco la raccolta di poesie pace e guerra di RomaExplorer.

I BAMBINI GIOCANOdiBertold Brecht
I bambini giocano alla guerra.
E' raro che giochino alla pace
perch gli adulti
da sempre fanno la guerra,
tu fai "pum" e ridi;
il soldato spara
e un altro uomo
non ride pi.
E' la guerra.
C' un altro gioco
da inventare:
far sorridere il mondo,
non farlo piangere.
Pace vuol dire
che non a tutti piace
lo stesso gioco,
che i tuoi giocattoli
piacciono anche
agli altri bimbi
che spesso non ne hanno,
perch ne hai troppi tu;
che i disegni degli altri bambini
non sono dei pasticci;
che la tua mamma
non solo tutta tua;
che tutti i bambini
sono tuoi amici.
E pace ancora
non avere fame
non avere freddo
non avere paura.
 
L'ADDORMENTATO DELLA VALLE 
di Arthur Rimbaud
E' una gola di verzura dove il fiume canta
impigliando follemente alle erbe stracci
d'argento: dove il sole, dalla fiera montagna
risplende: una piccola valle che spumeggia di raggi.

Un giovane soldato, bocca aperta, testa nuda,
e la nuca bagnata nel fresco crescione azzurro,
dorme; disteso nell'erba, sotto la nuvola,
pallido nel suo verde letto dove piove la luce.

I piedi tra i gladioli, dorme. Sorridente come
sorriderebbe un bimbo malato, fa un sonno.
O natura, cullato tiepidamente: ha freddo.

I profumi non fanno pi fremere la sua narice;
dorme nel sole, la mano sul suo petto
tranquillo. Ha due rose ferite sul fianco destro.
  NON GRIDATE PIU' di Giuseppe Ungaretti
Cessate d'uccidere i morti,
Non gridate pi, non gridate
Se li volete ancora udire,
Se sperate di non perire.

Hanno l'impercettibile sussurro,
Non fanno pi rumore
Del crescere dell'erba,
Lieta dove non passa l'uomo.

LA GUERRA CHE VERRA'
di Bertolt Brecht
Non la prima. Prima
ci sono state altre guerre.
Alla fine dell'ultima
c'erano vincitori e vinti.
Fra i vinti la povera gente
faceva la fame. Fra i vincitori
faceva la fame la povera gente ugualmente.

CHI STA IN ALTO DICE: PACE E GUERRA
di Bertolt Brecht
Sono di essenza diversa.
La loro pace e la loro guerra
Sono come il vento e la tempesta.

La guerra cresce dalla loro pace
Come il figlio dalla madre.
Ha in faccia
I suoi lineamenti orridi.

La loro guerra uccide
Quel che alla loro pace
sopravvissuto.

UOMO DEL MIO TEMPO
di Salvatore Quasimodo
Sei ancora quello della pietra e della fionda,
uomo del mio tempo. Eri nella carlinga,
con le ali maligne, le meridiane di morte,
-t'ho visto- dentro il carro di fuoco, alle forche,
alle ruote di tortura. T'ho visto: eri tu,
con la tua scienza esatta persuasa allo sterminio,
senza amore, senza Cristo. Hai ucciso ancora,
come sempre, come uccisero i padri, come uccisero,
gli animali che ti videro per la prima volta.
E questo sangue odora come nel giorno
quando il fratello disse all'altro fratello:
"Andiamo ai campi". E quell'eco fredda, tenace,
giunta fino a te, dentro la tua giornata.
Dimenticate, o figli, le nuvole di sangue
salite dalla terra, dimenticate i padri:
le loro tombe affondano nella cenere,
gli uccelli neri, il vento, coprono il loro cuore.

PROMEMORIA
di Gianni Rodari
Ci sono cose da fare ogni giorno:
lavarsi, studiare, giocare,
preparare la tavola,
a mezzogiorno.

Ci sono cose da far di notte:
chiudere gli occhi, dormire,
avere sogni da sognare,
orecchie per sentire.

Ci sono cose da non fare mai,
n di giorno n di notte,
n per mare n per terra:
per esempio, la guerra.

UN PENSIERO DOMINANTE di Cesare Pavese
Per questo ogni guerra una guerra civile:
ogni caduto somiglia a chi resta,
e gliene chiede ragione.

NON SEI CHE UNA CROCE di R. Perseni
Non sei che una croce

Nessuno forse sa pi
perch sei sepolto lass

nel camposanto sperduto
sull'Alpe, soldato caduto.

Nessuno sa pi chi tu sia
soldato di fanteria

coperto di erbe e di terra,
vestito del saio di guerra.

l'elmetto sulle ventitr
nessuno ricorda perch

posata la vanga e il badile
portando a tracolla il fucile

salivi sull'Alpe,salivi
cantavi e di piombo morivi

ed altri morivano con te
ed ora sei tutto di Dio.

Il sole, la pioggia, l'oblio
t'han tolto anche il nome d'un fronte

non sei che una croce sul monte
che dura nei turbini e tace

custode di gloria e di pace.

 HO DIPINTO LA PACE di T. Sorek
Avevo una scatola di colori
brillanti, decisi, vivi.
Avevo una scatola di colori,
alcuni caldi, altri molto freddi.
Non avevo il rosso
per il sangue dei feriti.
Non avevo il nero
per il pianto degli orfani.
Non avevo il bianco
per le mani e il volto dei morti.
Non avevo il giallo
per la sabbia ardente,
ma avevo l'arancio
per la gioia della vita,
e il verde per i germogli e i nidi,
e il celeste dei chiari cieli splendenti,
e il rosa per i sogni e il riposo.
Mi sono seduta e ho dipinto la pace.

LA PACE
di Alberto Teodori
Quando l'orizzonte si disperde tra cielo e mare
penso a tutte le cose belle che riflettono il cielo sereno,
come avere l'azzurro in tasca
per quando il grigiore invernale ci assale.
Se potessimo scavalcare le nubi
troveremmo per sempre il sole.
Basta un po' d'azzurro in tasca e
cerchiamo di non barattare i nostri spiccioli di cielo
con qualche occasione di sconto.
Teniamo sempre in riserva il nostro azzurro in tasca,
ci potrebbe essere utile sempre.
Inseriamo nella nostra tasca oltre l'azzurro del mare e del cielo
l'arcobaleno e sicuri avremo per sempre la pace.

Hai trovato interessante l'articolo? Condividilo con gli amici!

Commenti

2013-02-06 06:17 PM

Prendi un sorriso, regalalo a chi non l'ha mai avuto. Prendi un raggio di sole, fallo volare l dove regna la notte. Scopri una sorgente, fa bagnare chi vive nel fango. Prendi una lacrima, posala sul volto di chi non ha pianto. Prendi il coraggio, mettilo nell'animo di chi non sa lottare. Scopri la vita, raccontala a chi non sa capirla. Prendi la speranza, e vivi nella sua luce. Prendi la bont, e donala a chi non sa donare. Scopri l'amore, e fallo conoscere al mondo.

2012-10-16 02:35 PM

La pace la pace la pace i nostri bambini stanno cresciendo nella guerra evitiamo tutto ci quindi ADULTI noi adulti dobbiamo cercare di dar loro la PACE perche' e quello che manca in tutto il mondo la cosa che rende la vita felice, aiutiamo a non fare piu la guerra la guerra da oggi la dobbiamo combattere solo ed esclusivamente per la PACE... A FAVORE DI TUTTI BASTA BASTA BASTA BASTA VOGLIAMO LA PACE.

Lascia un commento su questo articolo*

* Per motivi di privacy non è consentito inserire contatti (telefoni, email, indirizzi) nel testo del commento. In caso contrario il commento non sarà pubblicato.


Grazie per l'invio! Il commento è stato registrato con successo!

Attenzione! Si sono verificati problemi durante l'inserimento. Prova di nuovo.

frasi e dediche

Leggi anche